PREVISIONE PER MARTEDI' 11 GIUGNO 2024 

HOME PRETEMP

PRETEMP è un gruppo di lavoro che si pone l'obiettivo di studiare e prevedere i fenomeni temporaleschi severi sul territorio italiano. PRETEMP NON EMETTE ALLERTE bensì previsioni probabilistiche sperimentali. PRETEMP inoltre svolge attività di raccolta di segnalazioni dei fenomeni severi avvenuti in collaborazione con l'associazione Meteonetwork e l'European Severe Storms Laboratory attraverso il database Storm Report al fine di verificare le previsioni emesse. 
PER ALLERTAMENTO UFFICIALE AFFIDARSI SEMPRE AL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE NAZIONALE.

COME LEGGERE LA PREVISIONE  LEGENDA ABBREVIAZIONI  

SEGNALAZIONI - STORM REPORT

Valida dalle ore 00:00 alle 24:00 UTC di martedì 11 giugno 2024

TESTO BREVE

Il dominio previsionale per domani, martedì 11 giugno, sarà diviso sostanzialmente in 2 parti: Il Nord si troverà sotto l'influenza di una saccatura Nord-Atlantica (con getto non troppo forte in media troposfera), mentre al centro-sud la parte ascendente del getto tropicale dominerà la scena, permettendo la formazione di qualche temporale a base alta.
In mattinata, al Nord-Est, con particolare riferimento al Veneto e alle proprie coste, saranno possibili temporali sotto un livello 0 di pericolosità per forti piogge e trombe marine. possibile accenno di convezione anche sul Mar Ligure davanti alle coste dell'alta Toscana, dove viene emesso un livello 0 per possibili trombe marine. Nel pomeriggio la convezione dovrebbe protrarsi ancora tra Veneto ed Emilia-Romagna, ma anche in Piemonte e Lombardia. In questo frangente viene emesso un livello 1 per grandinate fino a medie dimensioni, forti piogge e vento lineare. Qualora i temporali assumessero caratteristiche supercellulari non si esclude un fenomeno vorticoso a sud-est della Lombardia. In serata i temporali lombardi, ormai probabilmente evoluti in un sistema muticellulare, avanzeranno verso est interessando il Veneto, dove dovrebbero indebolirsi, almeno sulla parte settentrionale della regione. Tra coste venete e friulane è possibile l'innesco di un temporale multicellulare con possibili elementi supercellulari all'interno per il quale viene emanato un livello 1 per forti precipitazioni, trombe marine e grandine fino a medie dimensioni

DISCUSSIONE 

Un flusso di correnti sud-occidentali in media-alta troposfera interessa il dominio previsionale. La parte più propensa per la formazione di temporali localmente forti, però, sarà relegata al settore del Nord Italia ed in particolare sopra il Po. La formazione di un minimo di bassa pressione sottovento alle Alpi occidentali, infatti, dovrebbe dar luogo ad una dry-line appenninica che andrebbe a stabilizzare gran parte dell'Emilia-Romagna, almeno quella più vicina all'Appennino. Sempre a causa del minimo sottovento sarà attivo un richiamo di Scirocco che potrebbe aumentare il DLS e il LLS.

...VENETO...

In mattinata su questa regione sarà possibile lo sviluppo di temporali grazie ai temporali che dovrebbero essere presenti in Friuli già durante la notte e che, grazie ai loro outflow, potrebbero favorire lo sviluppo di convezione a ridosso delle Prealpi. Gli eventuali temporali potrebbero intensificarsi una volta giunti nei pressi della costa. dove potrebbero anche assumere caratteristiche supercellulari, per un DLS 0-6 km tra 20 e 25 m/s, CAPE attorno ai 1000-1300 J/kg e SRH 0-3 km >100 m2/s2. Per via di convergenze ben strutturate nei bassi strati e CAPE 0-3km >100 J/kg non si possono escludere a priori trombe marine. Anche se i temporali dovrebbero essere abbastanza rapidi nella loro evoluzione viene comunque emesso un livello 0 per forti precipitazioni in funzione dell'elevata PWAT anche maggiore di 35mm, lo stesso livello vale per trombe marine. Nel pomeriggio una Dry-Line in convergenza con venti orientali potrebbe porre le basi per eventuali supercelle nei pressi del Delta del Po, dove i valori di DLS 0-6km dovrebbero risultare più elevati proprio a causa del flusso orientale, attorno ai 20-25 m/s. In serata è possibile l'arrivo di un QLCS dalla Lombardia in fase di indebolimento a causa degli outflow friulani che potrebbero aver raffreddato l'aria. Le eventuali supercelle in seno alla dry-line potrebbero produrre grandine fino a medie dimensioni e forse un fenomeno vorticoso, mentre il QLCS in arrivo potrebbe produrre qualche raffica lineare oltre che a forti piogge.

...PIEMONTE...

Nel pomeriggio è probabile la convezione anche su questa regione per via del Marino che andrà ad accumulare CAPE e della convezione alpina che, con i propri outflow dovrebbe creare altre convergenze locali. I temporali saranno immersi in un DLS 0-6km tra 15 e 20 m/s e CAPE attorno ai 1200 J/kg. Grazie ai venti orientali al suolo rimane probabile una supercella, anche se lo storm mode più plausibile appare quello multicellulare. Vale un livello 1 per forti piogge e livello 0 per qualche raffica di vento convettiva. La grandine non dovrebbe eccedere i 2-3 cm di diametro.

...LOMBARDIA...

Su questa regione tra pomeriggio e sera potrebbe venirsi a formare un QLCS sul cui bordo meridionale non si escludono elementi supercellulari per via del vento da SE al suolo che andrà a forzare i valori di DLS 0-6 km fino a 25 m/s, SRH 0-3 km attorno ai 100 m2/s2 e CAPE fino a 1500 J/kg. Saranno possibili grandinate fino a medie dimensioni e raffiche di vento simulate anche attorno ai 90-100 km/h, specie dalla parte centro-orientale verso est.

...FRIULI VENEZIA GIULIA...

La spinta dello scirocco contro i venti da NE in serata o tarda serata potrebbe andare a plasmare un temporale semi-stazionario tra le coste dell'alto Veneto e quelle Friulane, per tale motivo viene emesso un livello 1 soprattutto per forti piogge ma saranno possibili grandinate fino a media dimensione, anche se probabilmente la parte più consistente del CAPE, trasportata dallo scirocco, potrebbe rimanere in mare. Lo shear sarà attorno ai 25 m/s e il CAPE 0-3 km anche oltre i 150 J/kg, per questo motivo saranno possibili trombe marine.


Emessa lunedi' 10 giugno 2024 alle ore 21:00 UTC

Previsore: CERAGIOLI

 

Licenza Creative Commons

Questa previsione è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.