PREVISIONE PER VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2017

 ESCAPE='HTML'

Un fronte freddo proveniente dal mare del Nord determinerà un generale peggioramento, specie oltralpe, sul NE Italia, centro Italia, Slovenia e Croazia.

Un livello 1 di pericolosità è stato emesso per parti del centro Italia, dell’alto Adriatico e delle coste croate per possibili locali forti piogge e forti raffiche di vento.

Svizzera, Austria e parti di Francia…

Già dalla mattinata è previsto il rapido afflusso di aria fredda in quota che entro sera porterà l’isoterma -32°C a 500hPa a ridosso della catena alpina. Ciò determinerà diffusa instabilità. L’aria umida (mixr di 5-6 g/kg) affluita nei bassi strati nelle giornate precedenti grazie ai venti sud-occidentali lascerà rapidamente il posto a masse d’aria progressivamente più fredde e secche prima da W e dalla serata da NW. Tutto ciò favorirà un debole CAPE previsto dai vari modelli di calcolo attorno a qualche centinaio di J/kg. Ciò sarà sufficiente a favorire rovesci temporaleschi sparsi con fulminazioni, vista anche una buona temperatura dei top (< di -15°C). Grazie all’aria fredda e al sostenuto DLS sarà probabile la caduta di grandine piccola o groupel localmente con accumuli anche consistenti. Poiché i fenomeni attesi non saranno diffusi ci sembra eccessivo porre un livello 1 di pericolosità.

Nord Italia…

Su queste zone la fase più attiva del peggioramento si avrà dal pomeriggio e in serata, momento in cui entrerà l’aria più fredda in quota. Specie sulla pianura Padana tra Lombardia, basso Veneto ed Emilia Romagna saranno possibili, specie verso sera, dei rovesci temporaleschi non però diffusi. Sarà presente un discreto ML CAPE, localmente attorno ai 400-600 J/kg (in particolare a ovest, meno a est), che potrà favorire la convezione; l’elevato DLS e l’aria fredda in quota non esclude la possibile caduta di grandine piccola o groupel durante gli eventi temporaleschi. Ciò però al momento esclude un livello di pericolosità. Infine, dalla tarda serata ci sarà, sulle Regioni orientali, un incremento significativo della Bora.

Toscana, N Marche, Alto Adriatico e coste slovene e croate…

In particolare dal tardo pomeriggio e in serata la progressiva avanzata dell’aria fredda in quota determinerà un incremento dell’intensità dei fenomeni anche su queste zone. Nei bassi strati sarà presente molta umidità con mixr fino a 8 g/kg, in particolare in Toscana, che alimenterà le piogge anche intense attese in serata. Specie sulla fascia centrale della Toscana sarà possibile la formazione di una linea di convergenza tra correnti da SW e il progressivo ingresso di correnti più fredde e secche da NW. Saranno possibili perciò rovesci temporaleschi con piogge localmente intense. Elevato sarà anche il DLS (tra 20 e 25 m/s): i fenomeni convettivi potranno essere accompagnati anche da forti raffiche di vento, specie in tarda serata. Dopo le 20Z si avrà anche l’attivazione di forti venti orientali nei bassi strati con raffiche fino a 100 km/h. Per questi motivi è stato posto un livello 1 di pericolosità per forti piogge e forti venti. I forti venti orientali si avranno anche sull’alto Adriatico, coste slovene e croate con piogge intense. Le fulminazioni saranno tuttavia più probabili sulla Toscana.

Emessa giovedì 23 febbraio 2017 alle ore 17.58 UTC

Previsore: CARLON

 


Ricordati che questa è una previsione probabilistica sperimentale basata su indici temporaleschi e prodotta per ragioni di studio. I fenomeni violenti che sono descritti saranno eventualmente solo locali. Per allerte ufficiali rivolgersi alla Protezione Civile!
Licenza Creative Commons
Questa previsione è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.
EWOB
Scarica anche tu l'applicazione EWOB creata dall'European Severe Storms Laboratory (ESSL) e segnala il tempo nel tuo Comune Clicca qui per Android ; Clicca qui per IOS .